SCIENZA & TECNOLOGIA - google maps riprende le facce

Postato January 24 2007
da repubblica.it  Il servizio del motore di ricerca diventa più potente: permetterà di raggiungere una risoluzione elevata. Si parte dall'Australia Sorridi, sei sulle mappe di Google "Si vedranno anche le persone" di BENEDETTA PERILLI  Sorridi, sei su Google Maps. L'occhio di Google, grazie al quale l'intero pianeta terra è stato mappato ed inserito in un potente software di ricerca consultabile sul web, ci guarda ancora più da vicino. Arriva dall'Australia la notizia che a partire dal prossimo venerdì verranno avviati degli esperimenti per consentire la visualizzazione delle mappe fornite dal servizio ad una qualità talmente alta da permettere di individuare chiaramente le persone. Nelle immagini che già esistono del territorio australiano un pixel corrisponde a circa 15 cm di superficie terrestre, le nuove dovrebbero garantire un rapporto di 1 pixel a 5 cm. In occasione dell'Australian Day, festa nazionale australiana che si terrà il prossimo 26 gennaio, Google ha deciso di far volare sull'area del porto di Sidney un piccolo aereo triposto che, ad una quota di soli 600 metri d'altezza, potrà scattare foto ravvicinate dei festeggiamenti Prima d'ora Google aveva mantenuto segreti date e luoghi dei voli, questa volta invece la compagnia fornisce tutte le informazioni ed incoraggia i cittadini di Sidney a farsi notare. Per permettere a tutti di sapere dove e quando farsi trovare dall'obiettivo di Google, è stata aperta una pagina web che consente di seguire gli spostamenti del piccolo aereo. Insomma è come se il fotografo intervenuto a un matrimonio chiedesse agli invitati di stringersi tutti per rimanere immortalati in uno scatto che passerà alla storia. Così Google vuole festeggiare l'Australian Day riuscendo a mettere più persone possibili all'interno delle loro mappe. "Mascheratevi, create delle formazioni divertenti con i componenti della vostra famiglia o scrivete messaggi sulla sabbia - questo l'invito dei dirigenti - Indossate o fate qualcosa di strano, per essere sicuri di riconoscervi nelle immagini. Non potete perdere l'occasione di diventare parte del territorio di Sidney su Google Maps". Per consentire a chi vorrà partecipare di sapere quando le immagini andranno on line c'è la possibilità di lasciare nome ed email, il servizio si occuperà di avvisare i partecipanti. "This Australia Day, put yourself on the Google Map" questo il motto dell'operazione. A parlarne, sul Sidney Morning Herald, è Lars Rasmussen, capo degli ingegneri di Google Australia e responsabile di Google Map: "Le immagini avranno la risoluzione più alta mai ottenuta da un servizio di mappatura di questo genere. Saranno circa tre volte più dettagliate di quelle del territorio australiano già fornite da Google Map e saranno on line fra circa sei settimane. È la prima volta che tentiamo un esperimento del genere e speriamo in una giornata di condizioni atmosferiche favorevoli per garantire una maggiore nitidezza. Se dovesse riuscire contiamo di ripeterlo in altri giorni di festa nazionale come il 14 luglio in Francia o il 4 Luglio negli Stati Uniti". La notizia farà sicuramente gola ai tanti che già da tempo sono stati catturati dalla Google mania e che, grazie anche a Google Earth (stesso sistema che però viene scaricato come un programma direttamente sul computer), si dilettano a rintracciare immagini divertenti fra quelle scattate dai satelliti. Esiste addirittura una classifica delle dieci immagini più strane. Fra queste ne va segnalata una che ha fatto molto discutere: quella di una donna olandese che prende il sole in topless sul terrazzo della sua abitazione. La qualità dell'immagine non è ottima ma consente comunque di distinguere chiaramente la figura femminile. Se l'esperimento australiano dovesse funzionare chissà come potrebbero divertirsi i "guardoni virtuali" puntando l'occhio su una spiaggia per nudisti.